In cooperazione con Amazon.it
PIATTO DI HARVARD

IL PIATTO DI HARVARD

IL PIATTO DI HARVARD

 

Siamo sempre alla ricerca spasmodica dell’elisir di lunga vita, del cibo miracoloso.

Passiamo ore ed ore a leggere ricette di piatti dietetici, a studiare diete miracolose.

Stiamo li a chiederci come dimagrire, come dimagrire velocemente, cosa mangiare , cosa non mangiare.

La sedentarietà, insieme alle cattive abitudini alimentari, tende a deteriorare il nostro organismo.

Pensiamo al cibo solo come ad una fonte di energia.

Il cibo è un medicamento, e come tale, quando ne assumiamo in eccesso, può diventare un veleno.

Ma come fare la dieta?La parola dieta, nel lessico comune, significa dimagrire, invece rappresenta il nostro regime alimentare ottimale ciò che mangiamo abitualmente.

 

Cos’è una dieta bilanciata?

Alimenti come ortaggi, frutta, cereali integrali, proteine magre, sono alcuni degli alimenti che troviamo ogni giorno sulle nostre tavole.

Possiamo distribuirli in modi differenti, ma con un ordine ben preciso a comporre quello che è il PIATTO DELLA SALUTE.

PIATTO DI HARVARD

 

Il PIATTO DELLA SALUTE o PIATTO DI HARVARD  è stato studiato dai nutrizionisti della famosa università americana per colmare le carenze della piramide alimentare e offrire una guida per creare pasti salutari e bilanciati.

Vediamo ora come possiamo distribuire gli alimenti nel PIATTO DI HARVARD.

  • Ortaggi e frutta

Devono occupare la metà del piatto di Harvard, di varietà differenti e di diversi colori.

Bada bene che le patate non contano come ortaggi nel piatto di Harvard, perché hanno un effetto negativo sullo zucchero del sangue,fanno aumentare la glicemia.

  • Cereali integrali

Un quarto del piatto deve essere invece composto da cereali integrali, ecco una piccola lista.

Frumento integrale, orzo, chicchi di frumento, quinoa, avena, riso integrale e alimenti prodotti con questi, come la pasta integrale.

Questi alimenti hanno un migliore effetto sullo zucchero nel sangue e sull’insulina, rispetto al pane bianco e al riso bianco ed ai cereali raffinati in genere.

  • Proteine magre

Componi un altro quarto del piatto con alimenti carichi di proteine.

Pesce, pollame, legumi e noci. Puoi combinarli con le verdure nel piatto,

Limita l’uso della carne rossa ed evita carni trasformate, salsicce, pancetta, prosciutto.

Limita l’uso di latte e latticini ad una o due porzioni al giorno.

 

Inoltre…

 

  • Come condimento scegli oli vegetali come olio di oliva, soia, mais, girasole o arachide.

Usali però con moderazione.

  • Come bevande invece…Acqua, caffè o tè
  • Evita le bevande zuccherate, una delle maggiori fonti di calorie, generalmente con poco valore nutritivo e di succhi di frutta, al massimo un piccolo bicchiere al giorno.

 

Di fondamentale importanza resta l’Attività fisica!

Un’alimentazione bilanciata insieme all’attività fisica è fondamentale  per mantenersi attivi, per bruciare calorie e per il controllo del peso.

 

 

 

 

 

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto,condividilo sui social